Polinesia

We could not find any location
We could not understand the location
  • - Make sure all street and city names are spelled correctly.
  • - Make sure your address includes a city and state.
  • - Try entering a zip code.
Cerca
Reset

POLYNESIA DREAM

Qualunque cosa succeda a Tahiti, paese immerso nel verde su terra vulcanica con alberi di cocco, oppure su isolotti di corallo delle Tuamotu, gli abitanti sono sempre presi dallo stesso fervore quando si tratta di danzare.
Nei tempi antichi, tutto era un pretesto per danzare: per dare il benvenuto o per dire addio, per implorare gli dei o per ringraziarli, o semplicemente per manifestare la propria gioia o il piacere di vivere.
Non bisogna dimenticare che, una volta, per i polinesiani, la loro esistenza non era che una festa e anche se ora i tempi sono cambiati, questo popolo ha saputo, malgrado tutto,conservare intatta questa passione per la danza, pronta a nascere spontaneamente al minimo ritmo di tamburo. Profumi e luci, tramonti tropicali: sortilegi della Polinesia dove gli addii non sono che un eterno arrivederci, un canto di ritorno: Mauruuru a vau.

Maeva: benvenuti in Polinesia.

Un insieme di 5 arcipelaghi di 130 isole su una superficie d’acqua grande come l’Europa, nell’immenso Oceano Pacifico che copre da solo i due terzi del mondo a 9000 km da Tokyo, 7000 km da San Francisco, e 6000 km. da Sydney. Territorio d’oltre mare francese, la Polinesia è governata dal 6 settembre 1984 con uno statuto d’autonomia interna che conferisce alle istituzioni locali estesi poteri.

Si ritiene che le isole dell’attuale Polinesia Francese siano state colonizzate, a partire dal 300 d.C., da popoli di navigatori, in origine provenienti dal Sud Est asiatico che, a partire dal 1000 a.C. e forse anche prima, si erano stabiliti su vaste zone insulari del Pacifico.

Scoperta nel 1767 dall’inglese Wallis, visitata nel 1768 da Boungainville e nel 1769 dal capitano Cook, la Polinesia è per molti il Paese del sogno, del sole, del mare e dell’ospitalità.


viaggidinozze_blu
escursioni_blu
escursioni_blu
immersioni_blu
Superficie le terre emerse hanno una superficie di 4000 kmq, le acque territoriali di 4 milioni di kmq, equivalente a quella dell’Europa.
Aeroporti l’aeroporto internazionale di Faa’a, nell’isola di Tahiti, è situato a 6 km dalla capitale.
Capitale la capitale della Polinesia francese è Papeete, nell’isola di Tahiti.
Città principali Papeete, Hitiaa, Tautira, Papeari e Afareaitu.
Lingua le lingue ufficiali sono il francese, l’inglese e il polinesiano.
Religione la religione prevalente è il protestantesimo. Sono numerosi
anche i cattolici.
Fuso orario 1 ore in meno rispetto all’ Italia.
Alimentazione di corrente la corrente elettrica è di 220 Volt. Le prese sono uguali a quelle in uso in Italia.
Valuta l’unità monetaria ufficiale è il Franco francese del Pacifico (cfp). La Polinesia fa parte del sistema monetario francese quindi ha corso anche l’Euro. Un Euro equivale a 119,33 cfp.
Documenti per i cittadini italiani è sufficiente il passaporto con validità minima di 6 mesi.
Vaccinazioni non è richiesta alcuna vaccinazione.
Prefissi telefonici: per telefonare nella Polinesia Francese il prefisso internazionale è 00689. Per chiamare l’Italia bisogna comporre lo 0039 seguito dal codice telefonico ella città e il numero desiderato.
Consolato Papeete (Tahiti) B.P. 420, Tel. 00689-28291. La rappresentanza diplomatica della Polinesia francese in Italia è esercitata dall’ambasciata di Francia, a Roma, e dai consolati francesi in Italia.
Norme doganali non è permessa l’importazione di piante cani, gatti.
Le seguenti merci sono duty free: 2 stecche di sigarette, o 10 sigari, oppure 250 grammi di tabacco; due litri di vino (per i passeggeri oltre i 17 anni di età); mezzo litro di profumo; beni per un totale che non superi i 5000 franchi locali.
Mance non si usa dare le mance.
Orari banche e negozi le banche sono aperte dalle 7.45 alle 15.30, dal lunedì al venerdì, e il sabato dalle 7.30 alle 11.00. Nei villaggi turistici
non c’è un orario preciso: alcuni negozi rimangono aperti fino a tarda sera.
Cucina disponibile ovunque la cucina internazionale, ma anche francese, italiana, cinese e vietnamita. La cucina locale è a base di frutto del
pane, banane, i fafa, una specie di spinaci locali, mango, pollo e pesce. Il piatto nazionale è il “poisson cru”, ovvero il pesce marinato.