Nuova Caledonia

We could not find any location
We could not understand the location
  • - Make sure all street and city names are spelled correctly.
  • - Make sure your address includes a city and state.
  • - Try entering a zip code.
Cerca
Reset

La Nuova Caledonia è la terza isola del Pacifico per grandezza dopo la Nuova Guinea e la Nuova Zelanda. Splendida nelle sue baie di spiagge bianchissime ed acque dallo sfavillante color turchese, è un vero gioiello del Sud-Pacifico. Questo territorio francese d’oltremare include un’isola principale, Grande Terra, l’Isola dei Pini, le Isole della Lealtà (Tiga, Marè, Ouvea e Lifou), l’Arcipelago dei Belep e numerosi isolotti. Tutti questi luoghi incantevoli sono comodamente raggiungibili da Nouméa, la capitale, in aereo o in battello.

Popolazione: gli abitanti sono circa 222.000 di cui il 42,5% indigeni melanesiani, chiamati Kanaky, il 37,1% europei, detti Caldoches, discendenti in gran parte dei prigionieri inviati nella colonia dal governo francese, il resto polinesiani e di varie provenienze. Tra i Kanaky la danza è considerata un’importante forma d’arte. La danza tradizionale chiamata “Pilou” raccontava storie di nascite, matrimoni, fenomeni naturali e battaglie, ma nel 1951 le autorità coloniali la bandirono per il pericoloso stato di trance che induceva nei danzatori. La musica è un elemento fondamentale in ogni cerimonia tradizionale. Gli strumenti musicali usati sono gusci di conchiglie, strumenti a percussione e flauti di bambù.

I Caldoches, di origine europea, si sono creati una propria cultura, simile a quella rurale australiana o americana. Molto popolari sono i rodei e le fiere di paese.
La Nuova Caledonia, dopo lunghe e sanguinose rivendicazioni, appare oggi proiettata verso l’indipendenza politica dalla Francia. L’Accordo di Noumea del 1998 ha creato una cittadinanza caledoniana e ha predisposto un’assemblea consultiva per gli affari economici e sociali, affiancata da un senato per le usanze del paese, quale collegamento tra il governo e la comunità kanaky. Prevede, inoltre, che alla fine di un periodo di transizione di dodici anni resteranno di competenza della Francia solo la giustizia, l’ordine pubblico, la valuta, la difesa e gli affari esteri. Tra il 2013 e il 2018 verrà indetto un referendum per scegliere la totale indipendenza. L’inglese è la lingua prevalente per quanto riguarda vendita e commercio, la lingua parlata è quella francese.

Geografia: l’isola è divisa in due da una catena montuosa che crea una parte umida ad ovest ed una tipicamente tropicale ad est.

Il clima è generalmente molto moderato, con temperature che non scendono mai al di sotto dei 21° in inverno grazie all’intervento moderatore degli Alisei. La stagione delle piogge, durante la quale vi è il maggior tasso di umidità, va da dicembre a marzo. Vantando la seconda barriera corallina più grande del mondo, la Nuova Caledonia è spettacolare per le immersioni e lo snorkeling. La stagione migliore per le immersioni è l’inverno, quando la visibilità sott’acqua può raggiungere i 50 metri. Alcuni dei posti migliori per le immersioni si trovano sull’Isola dei Pini e nella fascia meridionale della Grande Terra. Il nuoto è ovviamente praticabile nella maggior parte delle numerosissime spiagge di sabbia fine, le più belle delle quali si trovano lungo la costa est, nelle Isole della Lealtà e sull’Isola dei Pini. Nell’arcipelago sono molto diffusi sia il trekking a piedi sia il trekking a cavallo. All’interno della Grande Terra si possono organizzare passeggiate a cavallo di due o tre giorni. Sempre nella Grande Terra, come anche sull’Isola dei Pini e nelle Isole della Lealtà, c’è la possibilità di esplorare diverse caverne naturali.

Aeroporto: l’aeroporto internazionale è quello di Nouméa.
Abbigliamento: un abbigliamento prevalentemente molto leggero è l’ideale per la Nuova Caledonia, sebbene sia consigliabile un maglione leggero per i mesi più freddi.
Religione: Cristiana, Cattolica e Protestante.
Valuta: gli Euro sono accettati ovunque. Un po’ di difficoltà riscontrano invece le carte di credito.
Requisiti di ingresso: passaporto in corso di validità ed un biglietto aereo di ritorno al proprio paese di origine accompagnato da documenti di viaggio.
Fuso orario: 10 ore in più rispetto all’Italia, 9 con l’ora legale.
Elettricità: 220 Volt.

Torna alla pagina precedente