Isole Cook

We could not find any location
We could not understand the location
  • - Make sure all street and city names are spelled correctly.
  • - Make sure your address includes a city and state.
  • - Try entering a zip code.
Cerca
Reset

L’ arcipelago delle Cook consiste di 15 isole in 2 milioni di chilometri quadrati nell’Oceano Pacifico. Sono esattamente nel centro del triangolo polinesiano del Pacifico del sud, affiancate ad ovest dal Regno di Tonga e delle isole Samoa, e da Tahiti e dalle isole della Polinesia Francese ad est. Le Isole Cook hanno lo stesso fuso orario delle Hawaii e distano dall’equatore a sud come le Hawaii ne distano a nord. e Isole Cook sono composte da 15 isole. Le 15 isole sono divise in due gruppi, uno settentrionale e uno meridionale, separati da ben 1000 km di mare. Il gruppo meridionale, costituito in gran parte da isole vulcaniche emerse in tempi recenti, è in realtà un proseguimento della catena delle Isole Tubuai, appartenenti alla Polinesia francese, mentre il gruppo settentrionale è formato da atolli corallini più antichi. L’isola più grande è Rarotonga (67 kmq) e la più piccola è Suwarrow (0,4 kmq). Il paesaggio varia da quello montuoso di Rarotonga ai banchi corallini e agli atolli quasi piatti, che sono invisibili da lontano e vengono coperti dalle onde più grandi.
Gli antenati degli attuali abitanti delle isole Cook vi arrivarono per la prima volta nell’ 800 dC sulle loro gigantesche canoe doppie durante la grande migrazione polinesiana, guidati dalle stelle e grazie alla fantastica abilità marinaresca degli antichi polinesiani.
I primi europei furono gli esploratori spagnoli Alvaro de Mendana, che avvistò Pukapuka nel 1595 e Pedro Fernandez de Quiros, che avvistò Rakahanga nel 1606. 160 anni dopo, nel 1773, il Capitano James Cook, da cui l’arcipelago ha preso il nome, avvistò l’atollo Manuae e in un viaggio successivo scoprì anche Palmerston,, Mangaia e Atiu.
Le isole furono dichiarate protettorato britannico.nel 1888 e passarono poi sotto il controllo della Nuova Zelanda, che ancora oggi continua a gestire la politica estera e la difesa. Gli abitanti delle isole Cook sono considerati di fatto cittadini neozelandesi e hanno il diritto di spostarsi a proprio piacimento tra l’arcipelago, la Nuova Zelanda e l’Australia.
Ancora oggi più del 90% degli abitanti (in tutto circa 20.000) sono polinesiani di etnia maori, imparentati con i maori neozelandesi.
La lingua locale è il maori delle Isole Cook, ma praticamente tutti parlano l’inglese come seconda lingua.
Gli abitanti delle Isole Cook hanno fama di essere i migliori danzatori della Polinesia e secondo gli esperti sono ancora più bravi dei tahitiani.

Torna alla pagina precedente
Vedi tutto

ISOLA DI AITUTAKI

4 Hotels0 Proposte0 Tour